cart
Prenota il tuo appuntamento presso la nostra sede di Milano scopri come

Sta per scoppiare una bolla finanziaria? Proteggiamoci (con l’oro)

Lo dicono economisti e lo conferma l’ultimo rapporto della Banca dei Regolamenti Internazionali: la nuova bolla finanziaria è in arrivo. 

Siamo di fronte al più imponente debito pubblico di sempre delle economie più potenti del pianeta. La riduzione di tale debito non è neppure lontanamente prevista. Eppure le borse continuano a correre. Ci troviamo di fronte a quella che Bill Gross, ex numero 1 del fondo PIMCO, definì una Supernova? Un’economia che, come il più devastante dei fenomeni dell’Universo, deve continuare ad espandersi per vivere?

Da quando negli anni ’70 è sparito il Gold Standard  i debiti pubblici di tutti i paesi sono aumentati costantemente e senza controllo. Ad ogni espansione monetaria è corrisposta una bolla finanziaria, ad ogni scoppio di bolla le banche centrali hanno aumentato la stampa di monete. È un circolo vizioso, ma quanto può durare? E soprattutto, come ci possiamo tutelare?

Cos’è una bolla finanziaria?

Si definisce bolla finanziaria un fenomeno più o meno circoscritto ad un’area geografica o finanziaria a cui corrisponde un incontrollato aumento di acquisti e di prezzi di azioni, obbligazioni, derivati, materie prime, bitcoin e qualunque tipo di prodotto finanziario. In una prima intensa fase si assiste ad un eccesso di acquisti che stimolano, a volte artificiosamente, le quotazioni al rialzo. Fino a quando la bolla esplode e le quotazioni precipitano, gettando nella disperazione investitori grandi e piccoli.

Il più delle volte i prezzi aumentano fino al loro limite massimo e poi si fermano. Altre volte creano disequilibri tali da creare grossi problemi all’economia globale. Il fatto è che molto spesso gli stessi operatori ed esperti si accorgono di essere di fronte ad una bolla finanziaria quando ormai è troppo tardi.

In una fase come quella attuale, in cui le banche centrali hanno immesso sul mercato una quantità enorme di liquidità, una bolla finanziaria è particolarmente pericolosa perché parte di quella liquidità alimenta ancora di più gli acquisti.

GUARDA L'OROVILLA TALK DEL 9 APRILE

Perché si formano le bolle finanziarie?

Il professore di Economia di Yale Robert Shiller, vincitore di un Premio Nobel e professore di Economia di Yale, elenca due ingredienti base di una bolla finanziaria:

  • una storia virale;
  • uno strumento che le consenta di propagarsi.

William Quinn e John Turner, autori di “Boom and Bust: A Global History of Financial Bubbles”, sono convinti che la maggior parte delle bolle non siano frutto del  caso, ma diretta conseguenza delle azioni speculative di investitori che reagiscono alle nuove tecnologie (basti guardare i listini tech degli ultimi mesi e l’entusiasmo che li circonda, soprattutto in ambito bio-tech), oppure a iniziative politiche.

Questa bolla finanziaria sarebbe buona o cattiva?

Le bolle finanziarie sono il risultato di allocazioni inefficenti di capitale e quando scoppiano producono anche una forma di cecità: si persegue sempre la stessa strada e si continua a investire nello stesso modo. Questo modo di operare produce bolle finanziarie sempre più grandi e con conseguenze sempre più gravi: semplicemente aumenta la quantita’ di debito che ha portato alla formazione della bolla stessa.

Le bolle finanziarie possono causare profonde recessioni, affondare il sistema bancario, e durare molti anni. Basti guardare all’Argentina o alle conseguenze della crisi del 2008. Purtroppo le conseguenze di investimenti incauti non sempre colpiscono solo gli investitori spregiudicati. Spesso le conseguenze ricadono su clienti, fornitori e dipendenti.

Le bolle però possono rivelarsi alleati preziosi nella ripresa economica, se riescono ad evitare di toccare il sistema bancario. Secondo Bill Janeway, venture capitalist di lunga data, alcune bolle sono addirittura positive perché iniettano denaro nell’industria e nell’innovazione, aprendo la strada ad una nuova forma di economia.  

Come abbiamo visto nei nostri Orovilla Talk la fase attuale vede da una parte dei mercati estremamente reattivi e positivi, dall’altra banche centrali terrorizzate dall’andamento dei tassi di interesse. Se questa sarà una bolla negativa o positiva potremmo dedurlo solo con il senno di poi. Alla base della crescita dei listini infatti c’è una situazione nuova e in parte sconosciuta, c’è l’intervento dei governi e delle banche centrali che hanno attivato politiche monetarie espansive come non se ne erano mai viste, che hanno permesso questa crescita.

All’interno di questo contesto, quale potrebbe essere il ruolo di monete e lingotti oro? In che modo il piano di accumulo in oro fisico potrebbe diventare uno strumento ancora più interessante?

Monete e lingotti d’oro: come difendersi dalla bolla finanziaria dei mercati

L’oro come bene rifugio per eccellenza è fondamentale per la strategia di protezione in questo scenario. Acquistare e possedere monete, lingotti o grammi d’oro, oggi, significa possedere un bene che non si svaluta e ti protegge dalla perdita di potere d’acquisto.

Come sappiamo bene l’oro ha la straordinaria capacità di mantenere il proprio valore nel tempo, a differenza della moneta.

L’asset fisico in questo momento storico è la principale ancora di salvezza in un mondo che stampa denaro come se non ci fosse un domani. È una riserva di liquidità DI VALORE quando la liquidità del denaro sta perdendo valore.

Accumulare cash oggi non è una scelta furba. Lo abbiamo visto spesso nei nostri articoli.

10mila euro oggi potrebbero valere 8.300€ tra 10 anni con un’inflazione, normale e sana, del 2%. Se invece, come alcuni economisti ritengono più probabile, l’inflazione arrivasse al 3%? I tuoi 10mila€ avrebbero un valore pari a 7.660€. Parliamo di una perdita di valore di quasi ¼!!!

E se la bolla finanziaria scoppiasse davvero. Sicuro di voler rischiare? Guarda quanto incide un solo punto percentuale sul valore del denaro cash.

 

Inflazione e perdita di valore del denaro

 

Come acquistare oro fisico con Orovilla?

Come abbiamo detto spesso: “L’oro è denaro. Tutto il resto è credito”. J.P. Morgan

--

Per qualsiasi informazione non esitate a contattarci! I nostri consulenti sono sempre a vostra disposizione via e-mail (orovilla@orovilla.com) oppure telefonicamente al numero 02-8853215.

ORONews rubrica economica di Orovilla