cart
Prenota il tuo appuntamento presso la nostra sede di Milano scopri come

Cosa sta combinando l’oro? Conviene acquistare ora?

Snervante. Bloccato. Così definiremmo l’oro in questo periodo, fermo in un limbo da molte settimane. Dopo i forti ribassi di novembre, in seguito agli annunci della commercializzazione del vaccino anti-covid, da ormai 3 mesi l’oro si mantiene piuttosto stabile, quasi in attesa.

Le quotazioni dell’oro: l’analisi di Maurizio Mazziero

L’oro si mantiene nell’ampia zona di oscillazione compresa tra 1.820 e 1.960 dollari l’oncia, facendo pensare che eventuali discese a 1.765 dollari siano per il momento archiviate. Gli elementi che fanno muovere l’oro sono da un lato la debolezza del dollaro, che seppur in modo non costante genera spinte rialziste non soltanto nei confronti dell’oro, ma in genere verso tutte le materie prime.

Dall’altro lato troviamo una forza persistente delle borse, che tendono a far dimenticare il ruolo di porto sicuro dell’oro. La stagione delle trimestrali delle aziende statunitensi è iniziata bene e si pensa che così possa proseguire ad eccezione delle società che operano nei settori più colpiti dalla pandemia. È quindi plausibile che l’oro continuerà a stazionare nell’ampia fascia a cui si è fatto riferimento poc’anzi.

Nel caso di superamento dei 1.960 dollari l’oncia, le quotazioni verranno spinte velocemente verso i 2.000 dollari e oltre, sino a rivedere i massimi del 2020 a 2.078 dollari dove probabilmente si innescheranno nuovamente delle vendite. Al ribasso invece, nel caso di cedimento dei 1.820 dollari si ritornerà a rivedere i 1.765 dollari che costituiscono una opportunità di ingresso. La modalità favorita degli acquisti resta quella del piano di accumulo, con ingressi periodici che consentono di smussare le numerose oscillazioni dei prezzi.” (Maurizio Mazziero, Oronews gennaio 2021)

Le previsioni: è sempre il momento di acquistare oro, soprattutto con un PAC

Analizziamo insieme i fattori che indicano una previsione di rialzo nei prossimi mesi

Il crollo di marzo è un segnale che l’oro segue il corso degli eventi. A metà marzo l’oro ha avuto un tracollo in piena pandemia che ha spiazzato molti risparmiatori. In realtà era un movimento preventivato in quanto molti investitori istituzionali sono stati travolti dal crollo delle borse e si sono trovati nella scomoda posizione di dover realizzare liquidità. Il massiccio stock di vendite, non del tutto casuale, ha causato il forte calo nelle quotazioni. Sono bastate però poche settimane perché l’oro non solo recuperasse le perdite, ma arrivasse, ad agosto 2020, a toccare nuovi record. Questa volatilità è ampiamente riconosciuta nel settore, sia per la natura speculativa dell’oro finanziario, sia per la sua naturale tendenza, come dicevamo, a seguire il corso degli eventi.

L’importante aumento della domanda di maggio è un segnale positivo. Secondo la WisdomTree Investments di New York l’aumento della domanda parte dalle inevitabili incertezze economiche. Gli investitori vedono nell'acquisto di oro la soluzione migliore per coprire i ribassi degli asset ciclici, come ad esempio le azioni, previsti per tutto il 2021.

Una decisa inflazione delle valute più importanti è alle porte. L'enorme immissione di valuta sul mercato non potrà che generare una importante inflazione che gli analisti si aspettano nel 2022, con le prime avvisaglie nel 2021. Ovvio, quindi, che gli investitori cerchino un'alternativa al denaro investendo in un bene rifugio, con l'oro ovviamente al primo posto.

Il Bitcoin si presenta come alternativa all’oro, ma lo è davvero? Il Bitcoin è la vera incognita che si è profilata nel 2020. Questa e altre valute virtuali hanno visto un’impennata delle quotazioni e una crescita improvvisa delle richieste di investimento. Le valute virtuali sono una novità degli ultimissimi anni, ma il numero di coloro che si sono innamorati del contesto è altissimo e non si tratta solo di appassionati, ma anche di soggetti istituzionali e questo cambia le carte in tavola. Attenzione però che la volatilità è la più grande debolezza delle valute virtuali: è possibile in un attimo guadagnare molto come perdere tutto.


Approfondimento
Bitcoin e oro alla prova del dopo-pandemia

Il dollaro sta perdendo il ruolo di bene rifugio. L'enorme immissione di denaro della Fed, attuata a marzo e aprile, e la de-dollarizzazione attuata dai paesi emergenti secondo numerosi analisti porterà ad un ridimensionamento del valore del dollaro, fattore di cui bisogna necessariamente tener conto, nel momento in cui si valuta quale potrà essere la quotazione dell'oro nei prossimi mesi, visto che il metallo giallo viene prezzato proprio in dollari.


Approfondimento
l dollaro tramonta a Oriente, perchè proteggersi con l'oro fisico

Tutti questi fattori concorrono, secondo quasi tutti gli analisti a rosee previsioni per il metallo giallo, che nei prossimi mesi e almeno fino al 2024, tenderà a crescere. Molti prospettano un rialzo fino ai 2700$/oz e oltre.

Questo è un ottimo momento per acquistare oro fisico:

-        Lingotti

-        Monete da investimento

-        Grammi d’oro con il PAC Orovilla

--

Per qualsiasi informazione non esitate a contattarci! I nostri consulenti sono sempre a vostra disposizione via e-mail (orovilla@orovilla.com) oppure telefonicamente al numero 02-8853215.

0 Commenti

lascia un commento
Nome *
E-mail*
Website
Messaggio *
Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 679/2016 ex art. 13 D.Lgs 196/03
Acconsento di ricevere la newsletter in ambito delle iniziative di marketing profilato correlate ai servizi offerti da Orovilla. Non ti invieremo mai spam e potrai toglierti in qualsiasi momento!
ORONews rubrica economica di Orovilla