cart

Il conio delle monete

In un precedente articolo abbiamo spiegato quali sono i normali standard delle monete d’oro (i gradi di rarità ed i gradi di conservazione), vorremmo ora illustrare invece alcune differenze di classificazione dei tipi di conio normalmente utilizzati dalle zecche.

Le monete sono normalmente classificate come:

  • proof
  • brilliant uncirculated
  • bullion

Vediamo nello specifico quali sono le differenze che le contraddistinguono.

Proof

Una volta queste monete venivano chiamate «di prova» o «prototipi» perché erano le prime ad essere stampate e dunque servivano a correggere eventuali imperfezioni prima di passare al conio di massa. Oggi sono invece le monete di più alta qualità che una zecca possa produrre e sono ricercate soprattutto dai collezionisti. Si differenziano dalle comuni monete per il grado di rifinitura e per la precisione della coniatura. Le proof escono dalla zecca in numero di 50 all’ora. Questo perché gli stampi sono tutti rifiniti a mano, puliti con aria compressa tra un conio e l'altro e sono controllati ogni cento coniature; le monete vengono colpite fino a sei volte, ad una velocità inferiore e con meno pressione rispetto alle altre, e vengono poi controllate una ad una per poter eliminare eventuali imperfezioni. Addirittura la zecca degli Stati Uniti prevede che la moneta venga lucidata a mano prima che su di essa venga impresso il conio. Naturalmente tutto questo ha un costo, a volte anche notevole. Ciò non significa comunque che anche un non collezionista non possa acquistarle, anzi, proprio per la loro particolarità sono destinate ad apprezzarsi nel tempo più di una moneta comune.

Brilliant Uncirculated

Queste monete, spesso definite per comodità «BU», sono considerate, per la lavorazione alle quali sono sottoposte, una via di mezzo tra le Proof e le Bullion. Queste infatti vengono coniate ad un ritmo di 100 pezzi all’ora offrendo un buon livello per quanto riguarda il dettaglio, ma hanno una definizione minore (sono colpite due sole volte contro le sei delle proof). Diciamo che sono considerate un entry-level per chi vuole accostarsi al mondo del collezionismo.

Bullion

Le bullion sono le monete prodotte in grandi quantità e che vengono acquistate dal grande pubblico per tesaurizzarle, sono cioè le monete acquistate per investimento. Vengono prodotte ad un ritmo di 250 pezzi all’ora per le monete d’oro e di 3000 per quelle in argento. Sono comunque apprezzate per la loro coniatura.

Conio delle Monete

Su quale di queste monete potrà cadere la nostra scelta?

  • Se si è interessati a possedere monete unicamente per il loro valore intrinseco (cioè per il valore del metallo prezioso) quindi come investimento e per tramandare un valore nel tempo, le monete bullion sono da preferire perché sono vendute con un piccolo sovrapprezzo oltre a quello del metallo puro contenuto.
  • Se si è interessati a fare un regalo di pregio o semplicemente si vuole possedere una versione di ottima qualità del design, allora le monete Brilliant Uncirculated sono quelle adatte.
  • Se si è interessati a possedere o regalare la moneta con la più alta qualità disponibile, all’apice dell’artigianalità, della competenza e del design, ma anche disposti a pagare un costo notevole di manifattura, allora le monete Proof sono la scelta giusta.

Ma qualunque moneta vogliate acquistare, qualunque sia il suo valore di conio, si tratta sempre di un’ottima opportunità di investimento, oltre al piacere di possedere un pezzo di storia.

--

Scopri tutti i servizi e i prodotti Orovilla per mettere al sicuro il tuo futuro. Chiamaci senza impegno allo 02.8853.215 oppure scrivici a orovilla@orovilla.com, saremo felici di aiutarti mettendoti a disposizione un nostro esperto.

0 Commenti

lascia un commento
Nome *
E-mail*
Website
Messaggio *
Acconsento al trattamento dei dati personali ai sensi dell’art. 13 del Regolamento UE 679/2016
INFORMATIVA PRIVACY: I dati inviati saranno utilizzati esclusivamente per fornire il servizio di offerta/prenotazione e per uso interno, negli stretti limiti del perseguimento delle medesime finalità per le quali i dati sono stati raccolti